8 marzo 2012, la Cisl in visita alle detenute del carcere di Foggia.

Carla Costantino
Carla Costantino

Carla Costantino
Carla Costantino

In occasione della Festa della donna di quest’anno, la Cisl di Capitanata intende accendere i riflettori sulle donne che vivono il gravissimo disagio della privazione della libertà personale, derivante dalla condizione di reclusione carceraria. Per questo, l’8 marzo 2012, una delegazione della Cisl provinciale, guidata dal segretario territoriale, Carla Costantino, si recherà in visita presso la sezione femminile della Casa Circondariale di Foggia, dove , nei giorni scorsi, la segreteria territoriale della Cisl di Foggia ha incontrato la dottoressa Maria Consiglia Affatato, direttrice della Casa Circondariale di Foggia e  dove sono recluse circa 40 donne.
“Vogliamo celebrare l’8 marzo 2012 rivolgendo il nostro pensiero e la nostra attenzione alle donne che, all’interno della società attuale, stanno peggio di tutte, cioè le detenute. Vogliamo dare voce a chi, come loro – afferma Carla Costantino – non ha voce. In diversi casi, si tratta di madri con figli piccoli: la detenzione le priva della possibilità di vivere dignitosamente la maternità e, al tempo stesso, delle condizioni necessarie per avere una formazione professionale idonea a ricollocarsi lavorativamente, una volta terminata la pena”.
“Il mercato del lavoro, in Italia ed ancor più in provincia di Foggia, pone gravissimi ostacoli alle donne che cercano occupazione. In questo contesto, per le donne la pena detentiva –afferma il segretario generale della Cisl di Foggia,  Emilio Di Conza – rischia di essere anche una definitiva condanna a non trovare mai più il lavoro e, quindi, a non poter progettare un futuro onesto e decoroso per se ed i propri figli. Per questo, la Cisl di Capitanata è impegnata a promuovere nuovi percorsi formativi che raggiungano il duplice obiettivo  di qualificare le donne detenute e di migliorane la condizione di permanenza”.

spazio web offerto da